Fp Cgil: "Perplessi da parole sindaco Botricello"

Botricello, Sabato 23 Dicembre 2017 - 13:04 di Redazione

Le dichiarazioni del Sindaco di Botricello ci lasciano perplessi, soprattutto per la scompostezza delle stesse che denotano un certo nervosismo che, a nostro parere, è del tutto ingiustificato. In primo luogo ci preme precisare che il contenuto del precedente nostro comunicato stampa, ed in archivio è custodito l’originale, non è assolutamente diffamatorio né costituisce un qualsivoglia attacco al Sindaco o altro esponente della Sua amministrazione. Altre ricostruzioni appartengono ad altri ma non alla FP CGIL, e parimenti l’operato del delegato della FP è stato altrettanto chiaro e corretto.L’articolo incriminato, se ne faccia una ragione il primo cittadino di Botricello, rappresenta la plastica ed oggettiva ricostruzione della vicenda che, da mesi, ci vede impegnati,  come struttura sindacale, e che ha visto consumarsi, inutilmente, ben tre incontri, nell’ambito delle procedure per la proclamazione dello sciopero. Il primo presso la Prefettura di Catanzaro, gli altri due in comune, benché vi fosse l’impegno, da parte dell’amministrazione a rendersi parte diligente nelle doglianze del sindacato e dei lavoratori. Parlano e chiedono giustizia, prima di tutto, i fatti oggettivi, che non si possono interpretare a soggetto.Ciò che, invece, andrebbe stigmatizzato è il fatto che qualcuno possa aver sollecitato la presenza dei Carabinieri all’assemblea dei lavoratori di giorno 21. Questo è un gravissimo atto che mina fortemente le basilari regole della democrazia e del libero confronto.Dove fosse la FP CGIL prima di oggi è una domanda dal sapore retorico, stantio a tratti puerile, ma comprendiamo la miglior difesa è l’attacco, ma per amore di verità non ci sottraiamo alla domanda. L’adesione al sindacato è libera e volontaria, quando viene chiesto il nostro intervento rispondiamo. Cosa sia accaduto nella precedente gestione dell’appalto non lo sappiamo, non eravamo presenti per cui non abbiamo titolo a rispondere. Agiamo per il presente su preciso mandato dei lavoratori e nel loro esclusivo interesse.Al nostro appello di solidarietà hanno risposto le forze della società civile botricellese le quali sono tutte benvenute nessuna esclusa, la CGIL include non esclude. Ovviamente ognuno per il suo ruolo preciso e con la sua piena ed incondizionata autonomia, null’altro. La FP CGIL non ha concordato la linea sindacale con nessuno esponente politico, noi siamo autonomi e lo abbiamo sempre dimostrato, chi ritiene di sostenerci nella lotta sindacale è benvenuto, chi la pensa diversamente ha il nostro rispetto ma le strade si dividono. Siamo uomini non bestie, i rapporti umani vanno oltre, consumare insieme un caffè è un gesto di cordialità e di civiltà, altra cosa è la lotta sindacale. Lo tenga ben presente il primo cittadino di Botricello. Nella difesa dei lavoratori non siamo amici di nessuno, però ci confrontiamo e dialoghiamo con tutti, i rapporti personali sono altra cosa.Sul punto della mancata applicazione dell’art. 30 del DLGS 50/2016, ci spiace ma il Sindaco ha preso una grossa cantonata, ed anche pesante, confonde le procedure amministrative, ma va bene cosi. Ribadiamo che l’amministrazione può, ed a nostro avviso deve, sostituirsi nel pagamento diretto degli stipendi dei lavoratori della EWT. Su un solo punto ha ragione: quando afferma che la procedura è macchinosa, ma se l’amministrazione pagasse la ditta puntualmente, e lo può fare, oggi scriveremmo un’altra storia. Quando lo riterrà opportuno ci confronteremo e carte alle mano risponderemo punto per punto a tutte le sue domande. Non è questa la sede per un confronto burocratico amministrativo.

Bruno Talarico – segretario generale della FP CGIL Catanzaro/Lamezia



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code